Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO C

17 Novembre 2019

  Lc 21, 5 – 19

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere. Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

COMMENTO

Il pensiero degli ultimi giorni torna alla fine dell’anno liturgico. La parola di oggi la collega al senso della vita. Malachia vede l’uomo orgoglioso e ingiusto scomparire senza lasciare alcuna traccia; sull’uomo giusto, saggio, umile, al contrario, sorgerà ancora il sole.

Quando sarà la nostra fine? A chi ammirava le bellezze del tempio di Gerusalemme Gesù annuncia la catastrofe di quelle pietre. Quando sarebbe accaduto? E in che modo? Il futuro sconosciuto genera paure e domande alla ricerca di risposte e di tranquillità. Gesù non risponde con le carte dei maghi e dei chiromanti, dai quali invita a diffidare; neppure “terrorizza” riferendosi a guerre e rivoluzioni.

Prima della fine viene il tempo della testimonianza sofferta – un vero e proprio martirio – durante il quale i discepoli saranno perseguitati, imprigionati, uccisi. In questo tempo quelli di Cristo sperimenteranno una presenza sorprendente di Dio che salverà dal disfacimento ogni singolo capello del capo. Ci sono giorni, come nei primi tempi cristiani e come oggi dinanzi a sconvolgimenti della natura o a tragedie della violenza degli uomini, in cui si percepisce la fine del mondo come imminente. Poi si intuisce che l’attesa può essere lunga. Oggi il vangelo lo conferma e raccomanda vigilanza e fermezza. Perseverare e custodire sono volti dell’amore; così pure l’attenzione premurosa e l’attesa fiduciosa. Nel briciolo di un attimo, il presente, la chance di poter salvare l’anima, il nostro rapporto vitale con Dio. La vita ritrova senso se è dono nel lavoro, in casa, a scuola, nelle relazioni.

Qual è il senso dell’oggi? Nella storia del momento coabitano verità e menzogna, giustizia e violenza, grano e zizzania. E’ fase intermedia, precede il “giorno del Signore”. L’ottimismo sulla fine è speranza cristiana che il meglio finisce sempre per accadere e l’avvenire è migliore di qualunque passato. Tutto il male del mondo, non produce la fine del mondo, il male massimo l’abbiamo già fatto, crocifiggere il Figlio di Dio. Ma questa non è stata la fine, è stato l’inizio del mondo nuovo.

Preoccupato del senso della vita e dell’ultimo giorno, e soprattutto del Giudizio Finale a cui prima o poi certamente sarebbe andato incontro, un uomo fece un sogno. Dopo la morte, si avvicinò titubante alla grande porta della casa di Dio. Bussò e un angelo sorridente venne ad aprire. Lo fece accomodare nella sala d’aspetto del Paradiso. L’ambiente era molto severo. Aveva il vago aspetto di un’aula di tribunale. L’uomo aspettava, sempre più intimorito. L’angelo tornò dopo un po’ con un foglio in mano su cui, in alto, campeggiava la parola «conto». L’uomo lo prese e lesse: «Luce del sole e stormire delle fronde, neve e vento, volo degli uccelli e erba. Per l’aria che abbiamo respirato e lo sguardo alle stelle, le sere e le notti…». La lista era lunghissima. «…il sorriso dei bambini, gli occhi delle ragazze, l’acqua fresca, le mani e i piedi, il rosso dei pomodori, le carezze, la sabbia delle spiagge, la prima parola del tuo bambino, una merenda in riva ad un lago di montagna, il bacio di un nipotino, le onde del mare…». Man mano che proseguiva nella lettura, l’uomo era sempre più preoccupato. Quale sarebbe stato il totale? Come e con che cosa avrebbe mai potuto pagare tutte quelle cose che aveva avuto?  Mentre leggeva con il batticuore, arrivò Dio. Gli batté una mano sulla spalla. «Ho offerto io, fino alla fine del mondo. È stato un vero piacere!».

Dettagli

Data:
17 Novembre 2019