Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

16 Gennaio 2022

Gv 2,1-11

In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela». Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora». Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

COMMENTO

Più che la cronaca di un matrimonio e di sei ettolitri d’acqua che diventano vino pregiato, ci preme la presenza di Gesù e di sua Madre. Giovanni non chiama mai Maria con il suo nome, ma “Madre” o “Donna”, perché ne vuole mettere in luce il ruolo. In tutto il vangelo di Giovanni, Maria è presente solo a Cana, quando Gesù inizia la sua missione, e sul Calvario, quando il Figlio la completa consegnandola come madre al discepolo amato. A Cana, nel cuore della vicenda di una nuova famiglia, sono presenti Gesù e Maria. Al centro di un matrimonio che rischia di fallire fin dall’inizio per insufficienza e per povertà, ci sono Maria e Gesù.

La protagonista è la madre di Gesù. L’episodio accade “il terzo giorno”: l’evocazione pasquale ricorre molte volte in questo Vangelo; per Giovanni si è sempre nei paraggi della Pasqua di Gesù. Una scena di matrimonio con la presenza della madre di Gesù e al quale era stato invitato anche Gesù con i suoi discepoli. Una festa di nozze come tante, ma questa rappresenta tutta la vicenda di Israele, le grandi nozze tra Dio e il suo popolo, anzi con tutta l’umanità. Nozze con una mancanza, segnate da insufficienza e povertà. L’invito di Gesù alle nozze è attesa e profezia della pienezza messianica.

Quanta povertà c’era in quelle nozze? Il vino era finito o non ce n’era affatto? Semplicemente: “Mancando il vino” sta a dire che a quelle nozze qualcosa manca e forte sarà la risposta di Gesù a sua madre. Anche la denuncia di questa mancanza è forte, al punto da farsi preghiera e invocazione, riconoscimento di miseria e urgenza di aiuto. In quella festa c’è necessità di soccorso e di salvezza. È Israele col suo accorato desiderio nuziale di Dio. Maria è la Madre di Israele ed è la Madre di Gesù!

La risposta di Gesù è drammatica – “Donna, che vuoi da me?” – e indica un reale distacco tra Gesù e la madre. Lo si comprende proprio pensando alle nozze tra Dio e l’umanità, naufragate nella drammatica disobbedienza e nel peccato. Dio ritroverà la creatura amata e perduta nella Pasqua di Gesù il quale, però, ricorda che “Non è ancora giunta la mia ora”. Il vino che manca è quello del sacrificio d’amore dello Sposo.

Il miracolo di Cana, grazie all’intercessione della Madre, anticipa l’ora della Croce e Cana si fa segno delle nozze celebrate e consumate nella Pasqua di morte e resurrezione. La Madre ora si rivolge ai servi facendone dei discepoli, perché facciano tutto quello che il Figlio dirà.

Il dono di Gesù non è solo l’acqua divenuta vino, ma un vino buonissimo. È l’esaudimento oltre ogni desiderio; è il passaggio dalla morte alla vita. Tutto è chiamato a risurrezione. Questo è l’inizio dei segni, l’ultimo, in pienezza, sarà la sua Pasqua di morte e di gloria. Anche la Madre, Maria, è qui all’inizio e alla fine ai piedi della croce. È l’umanità totalmente aperta a Dio, il primo modello del credente.

E i discepoli credettero in Lui. Intanto hanno visto dove abita: nelle nozze, nel vino, nella gioia.

Dettagli

Data:
16 Gennaio 2022