Comunione

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Fondamento: “La celebrazione alla messa, in quanto azione di Cristo e del popolo di Dio gerarchicamente ordinata, costituisce il centro di tutta la vita cristiana per la Chiesa universale, per quella locale e per i singoli fedeli.” 1
Il convito eucaristico è prefigurato nei banchetti di Gesù con i peccatori e gli amici durante la vita pubblica, e istituito nell’Ultima Cena con i Dodici: “Poi preso un pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: “Questo è il mio corpo che è dato per voi; fate questo in memoria di me”» ( Lc 22,19), e confermato nella gioia degli incontri a mensa dopo la resurrezione. Dalla Chiesa delle origini è celebrato come cena del Signore risorto (1Cor 10,21;11,20) e come “frazione del pane” (At 2,42.46;20, 7.11), segno efficace di comunione fraterna nel suo nome.

Il Ministro: Vescovo o sacerdote

Il segno: Pane e vino, simboli dei frutti della terra e del lavoro dell’uomo, che Gesù stesso ha utilizzato nell’Ultima Cena.

La Parola: Il ministro stendendo le mani sul pane e sul vino, invoca lo Spirito Santo affinché vengano trasformati nel Corpo e Sangue di Cristo ripetendo le parole: “Questo è il mio corpo….” che si concludono con:”…Fate questo in memoria di me”. Mediante la consacrazione si opera la “TRANSUSTANZIAZIONE” del pane e del vino nel Corpo e nel Sangue di Cristo. Sotto le specie consacrate del pane e del vino, Cristo stesso, vivente e glorioso, è presente in maniera vera, reale e sostanziale, il suo Corpo e Sangue con la sua anima e la sua divinità 2.

Effetto : L’Eucaristia è il pane della vita e della grazia. E’ il vertice della vita cristiana, perchè cibarsi del Corpo di Gesù vuol dire identificarsi sempre di più a lui. L’Eucaristia è fonte di comunione con Gesù e con gli altri, ma per entrare in questa comunione bisogna esserne degni, cioè essere in grazia di Dio.

 

Modalità per amministrare il sacramento dell’Eucaristia nella nostra parrocchia

Codice diritto canonico 913, 1

“Per poter amministrare la SS.ma Eucaristia ai fanciulli si richiede che essi posseggono una sufficiente conoscenza ed una accurata preparazione, così da percepire, secondo le loro capacità, il mistero del Cristo ed essere in grado di assumere con fede e devozione il Corpo del Signore”.

Dal DIRETTORIO PASTORALE

UNA RINNOVATA INIZIAZIONE CRISTIANA

Art. 100 . Le indicazioni del Sinodo per la catechesi sono le seguenti:

– l’Iniziazione Cristiana deve recuperare la centralità del “primo annuncio”, che deve innervare di sé ogni azione pastorale;

– il nuovo modello di iniziazione cristiana ha come proprio punto preciso di riferimento il catecumenato battesimale;
– tale catecumenato ha precise caratteristiche:

· è un cammino a tappe, che si pone come scuola di vita cristiana e che come tale rifiuta la catechesi esclusivamente finalizzata ai sacramenti;

· è incentrato sulla triplice esperienza della catechesi, della celebrazione e della testimonianza della carità;

· è articolato secondo la logica della Traditio e della Redditio;(Tradizio: l’evangelizzato sperimenta l’amore del Padre e si riconosce peccatore davanti a lui.

· Redditio: l’evangelizzato manifesta la sua esperienza di salvezza e si affida al Signore nella varie situazioni della sua vita.)

· ha presente e rispetta la centralità della famiglia originaria ed insieme della comunità ecclesiale;

– luogo ordinario di evangelizzazione è la parrocchia.

 

IL RUOLO DELLA FAMIGLIA CRISTIANA NELL’ANNUNCIO DEL VANGELO

Art. 153 . La famiglia nel cammino di iniziazione cristiana «La famiglia è l’ambiente educativo e di trasmissione della fede per eccellenza: spetta dunque anzitutto alle famiglie comunicare i primi elementi della fede ai propri figli, sin da bambini […] I coniugi cristiani sono i primi responsabili di quella “introduzione” all’esperienza del cristianesimo di cui poi chi è beneficiario porterà in sé il seme per tutta la vita».

Art. 154 . Per una maggiore efficacia dei percorsi di iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi è indispensabile ridare alle famiglie il loro autentico volto di principali luoghi dove la fede viene trasmessa.
Per questo motivo, sacerdoti e catechisti non devono stancarsi mai di stimolare e coinvolgere i genitori nel cammino di fede dei figli, a seconda del tempo vissuto da questi (cfr. n. 129).

Nella nostra parrocchia, come previsto dagli articoli enunciati precedentemente, i bambini ammessi al cammino di fede che li porterà alla loro prima Eucaristia devono avere i 7 anni compiuti. Il cammino si svolge in tre anni di preparazione con un incontro settimanale e la partecipazione all’Eucaristia della domenica alle ore 10.00 dove sono previsti canti, omelia e animazione più adatta ai fanciulli senza però mai dimenticare l’attenzione anche al resto dell’assemblea che è eterogenea.
In questo cammino sono coinvolti anche i genitori che parteciperanno ad incontri quindicinali per riscoprire la bellezza di essere cristiani e collaborare insieme al sacerdote e alle catechiste per guidare i prori figli all’incontro con Gesù-Eucaristia.

Ovviamente se viene a mancare la partecipazione dei ragazzi o dei genitori verrà fatto un’ accurato discernimento, da parte delle catechiste e del sacerdote, per decidere il prosieguo del ragazzo nel cammino.
Alla fine del primo anno i bambini parteciperanno alla celebrazione del rinnovo delle promesse Battesimali
Alla fine del secondo anno parteciperanno al sacramento della Riconciliazione.

Alla fine del terzo anno riceveranno Gesù-Eucaristia.
Durante l’intero percorso catechetico i bambini, insieme con lei genitori, sono invitati a partecipare ai momenti forti dell’Anno liturgico, a volte anche insieme a tutta la comunità (Mercoledì delle Ceneri, Giovedì Santo etc.). Inoltre vengono coinvolti in recital musicali a sfondo catechetico e a visite programmatiche di chiese, presepi, musei, monasteri ed altro.

Per tale motivo la partecipazione alla prima Eucaristia prevede un cammino serio e partecipato al progetto che è stato messo in atto seguendo le linee del Direttorio Pastorale.

_______________________________
1- Messale Romano, Principi e norme, 1
2- Concilio di Trento, DS 1640

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.